Specializzazione del Glocal University Network

Specializzazione del Glocal University Network

Le risorse umane costituiscono la ricchezza principale di quella che la Comunità Europea ha stabilito dover essere l’economia della conoscenza più dinamica ed avanzata del mondo.

L’istruzione, la formazione, l’informazione, l’educazione e l’orientamento sono fattori chiave di azioni volte alla crescita socio-economica dell’Europa, del Paese e del contesto in cui i soggetti dell’accordo intendono operare. La crescita che deve assicurare, a tutti, il diritto-dovere di essere cittadini attivi di una comunità senza distinzione di razza, di religione, di genere e di cultura.

Una tale società non può prescindere dal consentire il libero accesso al sapere e all’apprendimento per tutto l’arco della vita, al fine di rendere possibile, a tutti, di incrementare le proprie personali aspettative socio-economiche.

Sulla base di questo quadro di riferimento si intende affermare la determinazione di operare al fine di contribuire alla nascita di un Sistema di Risorse per l’Apprendimento Continuo durante tutto l’arco della vita.

A tal fine, si intende contribuire ad innalzare, in un’ottica di Long Life e Long Wide Learning, il livello dell’offerta formativa finalizzata ad un aggiornamento continuo delle competenze delle persone che devono operare in contesti sempre più dinamici, qualificati, innovativi e caratterizzati da rapidi cambiamenti.
Si vuole, in special modo, attivare prestazioni formative capaci di essere concreta risposta alla necessità di formare professionalità in grado di alimentare il cambiamento del tessuto produttivo e l’innovazione della gestione della cosa pubblica.

Per questi fini, la trasformazione, oltre ad attivare le proprie risorse, vuole collaborare con altri soggetti (pubblici e privati) che sono “parte del proprio fare parte”, attivando con essi sinergie in grado di esprimere un sistema caratterizzato da quella connettività intraprendente che è frutto di un incontro di multidisciplinarità che si accettano sia in termini cognitivi sia in termini emozionali, condividendo linguaggi, obiettivi e metodologie.

Si prevede, inoltre, di:

  • Rendere la propria offerta formativa concretamente adeguata e funzionale ai principi europei, condivisi e ufficializzati, con particolare attenzione a quelli utilizzabili per il riconoscimento, la convalida e la certificazione dell’apprendimento non formale ed informale;
  • Creare un ambiente di apprendimento fluido, aperto, attraente e rivolto a tutti; un luogo in cui (a fronte di uno sviluppo, su base nazionale ed europea, di un quadro di qualifiche e competenze sempre più flessibili e rinnovabili) si incoraggia l’apprendimento permanente;
  • Divenire un contesto in cui è possibile ottenere il riconoscimento delle conoscenze, delle abilità e delle capacità acquisite da ambiti formali e informali;
  • Rafforzare il ruolo, la qualità e il funzionamento dei servizi di informazione ed orientamento per consentire alle persone di conoscere gli spazi che offre il M.d.L.;
  • Dar vita ad una collaborazione a vari livelli (transnazionale, nazionale, regionale, locale e settoriale) per ottenere, nel quadro di una responsabilità condivisa, il pieno coinvolgimento di istituzioni, parti sociali, società civile, ecc. al fine di assicurare alla propria attività flessibilità intraprendente, efficienza gestionale, efficacia operativa e alti livelli di outcome;
  • Guardare con particolare attenzione al settore della Pubblica Amministrazione, in tutte le sue articolazioni e dimensioni, al fine di proporre azioni che, per il loro livello didattico e per la loro innovativa capacità di creare professionalità perfettamente rispondenti alla comunità professionale di riferimento, riescano ad essere concreto contributo ad un qualificato e soddisfacente contributo di competenze ad alto grado di occupabilità e spendibilità;
  • Erogare processi di apprendimento-insegnamento sulla base di una progettazione che vede la competenza come un insieme olistico di conoscenze di base, abilità trasversali, capacità professionali, attitudini e motivazioni;
  • Caratterizzare le sue azioni di Long Life Learning con una metodologia attiva, al fine di attivare nel gruppo d’apprendimento quelle dinamiche capaci di far raggiungere contemporaneamente obiettivi cognitivi e meta cognitivi, di competenza e meta competenza;
  • Articolare i propri corsi secondo gli 8 livelli dell’EQF, con particolare riferimento a quelli equiparabili alla Formazione Superiore e Master, e avvalersi di un sistema di valutazione/certificazione formativa che ha come riferimento quelle validate e condivise a livello europeo.

In questo modo il Glocal University Network può diventare l’incubatore dei progetti innovativi in campo universitario, nella ricerca, nella formazione e nella consulenza. Una presenza qualificata nel mondo della elaborazione e della comunicazione scientifica.